Google Analytics, l’esclusione dei Bot e Semalt

0
5547
google analitycs esclusione Bot
L'ultimo aggiornamento di questo articolo risale a 12 giorni fa (05-07-2018)

L’ultimo aggiornamento delle impostazioni vista del pannello di amministrazione di Google Analytics ha fatto contenti tutti quelli che lamentavano gli accessi indiscriminati di Semalt e dei più famosi software di analisi del Web e nello specifico, per tutti gli interessati, eliminare Semalt dai report.

Notizia di oggi è infatti che è stata implementata una nuova impostazione, all’interno di Analytics, in cui è possibile escludere dall’analisi degli accessi tutti gli spider e i bot noti e conosciuti.

Come escludere i Bot e gli Spider conosciuti dall’analisi di Google Analytics

La procedure è assai semplice. Una volta loggati all’interno del proprio profilo di Google Analytics selezioniamo l’account in cui effettuare la modifica, dopodiché selezioniamo la voce Amministrazione dal menù in alto e la voce Impostazione Vista, dopodichè subito sotto alla selezione della visualizzazione della valuta possiamo spuntare la voce “Escludi tutti gli hit da bot e spider noti“.

Semalt e gli accessi indesiderati

Saranno così contenti tutti i SEO che lamentavano gli accessi indesiderati da parte dello spider di Semalt, programma di analisi delle parole chiave tra siti concorrenti, che “sporcavano” i report effettuati mediante Google Analytics.

Hai bisogno di un consulente SEO capace? Non esitare a contattarci
Vota questo articolo

FonteL'articolo su Marketing Land
CONDIVIDI
Nato con la passione per l'informatica da mamma Access e papà ASP nel 2002 rinnego repentinamente la mia paternità facendomi adottare da papà PHP e mamma SQL. Allevo HTML e correlati fiori in CSS mentre vedo i frutti del mio orticello SEO crescere grazie alla passione e alla dedizione della coltura biodinamica; perchè il biologico è fin troppo artificiale. Realizzo siti internet a tempo pieno, nei restanti momenti mi occupo di redigere articoli per questo sito e saltuariamente far esperimento nel mare che è internet.

LASCIA UN COMMENTO