27/01/2014 Search Engine OptimizationcodeSpidersTecnica 7692
Googlebot: nuovo user-agent per contenuti “mobile”

Google ci fa sapere che è nato un nuovo user-agent, da configurare in robots.txt, ottimizzato per i contenuti dedicati a smartphone.

Alcuni potrebbero dire: ma vi era già un user-agent dedicato, ma dal team del più utilizzato motore di ricerca a carattere mondiale, ci fanno sapere che con il precedente spider era impossibile per Google indicizzare il contenuto dedicato agli smartphone per alcuni siti o capire quali siti erano compatibili con i dispositivi mobile.

Il nuovo Googlebot per i contenuti dedicati all'"universo Mobile"

In sintesi viene ritirato il vecchio user-agent:

Mozilla/5.0 (iPhone; CPU iPhone OS 6_0 like Mac OS X)
AppleWebKit/536.26 (KHTML, like Gecko) Version/6.0
Mobile/10A5376e Safari/8536.25
(compatible; Googlebot-Mobile/2.1; +http://www.google.com/bot.html)

e viene rilasciato quello nuovo:

Mozilla/5.0 (iPhone; CPU iPhone OS 6_0 like Mac OS X)
AppleWebKit/536.26 (KHTML, like Gecko)
Version/6.0 Mobile/10A5376e Safari/8536.25
(compatible; Googlebot/2.1; +http://www.google.com/bot.html)

 Ricerca, Uso e Indicizzazione

Integrando quindi l'articolo di qualche settimana fa sull'uso del file robots.txt è possibile riferirsi ai diversi user-agent di Google mediante la seguente sintassi:

Per l'user-agent dedicato ai contenuti ottimizzati per computer desktop, portatili, tablet e smartphone:

#Impedisci a google di indicizzare
#i contenuti dalla radice del sito
#per visualizzazione su computer
User-agent: Googlebot
Disallow: /

Mentre per riferirsi SOLAMENTE ai dispositivi feature phone (i vecchi telefoni cellulari) la sintassi è la seguente :

#Impedisci a google di indicizzare i contenuti
#a partire dalla radice del sito internet per
#visualizzazione su telefoni e smartphone
User-agent: Googlebot-Mobile
Disallow: /

pino

Nato con la passione per l'informatica da mamma Access e papà ASP nel 2002 rinnego repentinamente la mia paternità facendomi adottare da papà PHP e mamma SQL.
Allevo HTML e correlati fiori in CSS mentre vedo i frutti del mio orticello SEO crescere grazie alla passione e alla dedizione della coltura biodinamica; perchè il biologico è fin troppo artificiale.
Realizzo siti internet a tempo pieno, nei restanti momenti mi occupo di redigere articoli per questo sito e saltuariamente far esperimento nel mare che è internet.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Approfondimenti correlati
Scopri di piùLeggi di piùScopri di più

Local SEO: usare Google My Business per ottimizzare la query research e la seo on-page

Da qualche mese a questa parte Google My Business (GMB) ha fornito la possibilità di comprendere per quali query la…

Scopri di piùLeggi di piùScopri di più

Yoast SEO 7: come risolvere il problema degli errori 404 dopo l’aggiornamento

Mi sono appena accorto di un simpatico scherzetto in cui in molti incapperanno a seguito dell'ultimo aggiornamento di Yoast SEO,…

Scopri di piùLeggi di piùScopri di più

Gli eventi SEO per il 2018

Allarme clickbait, in questo veloce post non vi descriverò quali sono tutti gli eventi legati alla SEO organizzati in questo…

Scopri di piùLeggi di piùScopri di più

Hai un form sul tuo sito? Chrome ti “invita” a passare a HTTPS

Per tutti i webmaster/SEO tornati dalle vacanze vi è una graziosa novità che potrete trovare tra i messaggi in Search…

Scopri di piùLeggi di piùScopri di più

Guida all’ottimizzazione dei link interni

I link interni, ovvero quei link che collegano tra loro le pagine dello stesso sito, costituiscono un elemento molto importante…

Scopri di piùLeggi di piùScopri di più

La keyword research: 7 regole per ottimizzare le conversioni

Al giorno d'oggi, un'efficace ricerca di parole chiave è un'abilità sempre più importante per i professionisti del marketing digitale. (altro…)