La keyword research: 7 regole per ottimizzare le conversioni

1
2693

Al giorno d’oggi, un’efficace ricerca di parole chiave è un’abilità sempre più importante per i professionisti del marketing digitale.

Non solo devono sapere come sviluppare un buon elenco di parole chiave per PPC e SEO, ma i marketer di contenuti usano la ricerca per parole chiave per scoprire quali argomenti dovrebbero scrivere e quali frasi dovrebbero usare durante la scrittura.

Se stai leggendo questo articolo, probabilmente sai già quanto sia importante la ricerca delle migliori parole chiave, in modo da avere i maggiori tassi di conversione.

Ma oggi vedremo i metodi più efficaci per lavorare su parole chiave ad alta conversione.

Che cos’è la ricerca di parole chiave?

La ricerca per parole chiave è il processo di identificazione delle parole e delle frasi che desideri indirizzare nella strategia SEO on-page del tuo sito.

Dopotutto, la SEO non si tratta solo di apparire nei risultati di ricerca, ma di mostrare nei risultati di ricerca le parole chiave che il tuo pubblico di destinazione sta cercando.

Quindi, prima di ottimizzare il tuo sito, devi sapere quali parole e frasi utilizzano i potenziali clienti.

Inoltre, una buona ricerca di parole chiave è fondamentale anche per raggruppare le query e strutturare il sito secondo un’architettura facile da interpretare e navigare dal tuo pubblico!

Come scegliere le keyword migliori

Come in ogni processo di ricerca, la keywords research può richiedere molto tempo e fatica.

Tuttavia, esistono una serie di regole da tenere a mente, che possono massimizzare di molto la conversione delle query su cui andremo a lavorare.

Vediamole tutte.

1. Attrai traffico di qualità

Le tue parole chiave determinano non solo la quantità di traffico che il tuo sito può attrarre, ma anche la qualità di tale traffico.

I visitatori che non fanno parte del tuo pubblico di destinazione e che difficilmente diventeranno clienti o acquirenti sono considerati traffico di bassa qualità.

Questo perché non avranno alcun impatto sugli obiettivi più importanti della tua attività, come vendite e entrate.

Le query ad alta conversione sono, infatti, le query il più possibile “vicine” al completamento di un percorso di conversione.

E le parole chiave che scegli hanno un impatto importante sul tipo di traffico che il tuo sito attira.

Quando passi del tempo a conoscere le abitudini di ricerca del tuo pubblico, puoi personalizzare la tua strategia per soddisfare le parole e le frasi che usano.

In questo modo, non solo ottimizzerai il tuo sito per le parole chiave che genereranno il maggior numero di traffico possibile, lo farai in un modo progettato per raggiungere gli utenti che potrebbero fare un acquisto o diventare un lead.

2. Capisci l’interesse e l’intento dietro alle parole chiave

Capire l’intento che sta dietro una certa query è essenziale per fare una previsione corretta di qualsiasi conversione.

L’idea alla base della ricerca di parole chiave ad alta conversione è la creazione di contenuti che vadano incontro a diversi livelli di interesse e intento. Alcuni termini di ricerca sono usati da persone vicine a una conversione, mentre altri sono usati da persone ancora nelle prime fasi della ricerca.

Il modello immagina che l’evento di conversione desiderato sia il centro di un target. Le parole chiave sono classificate per tipo e organizzate in base alla loro efficacia nella conversione. Di norma, ha senso investire più tempo e denaro in parole chiave più vicine alla conversione finale.

Ma quali sono i tipi di intenti dietro alle parole chiave?

Esistono tre tipi base di query di ricerca classificabili sull’intento di ricerca:

  • Informativo: ricerche eseguite per rispondere a domande o imparare qualcosa
  • Di navigazione: ricerche eseguite per individuare un sito Web specifico
  • Transazionale: ricerche eseguite per acquistare qualcosa

Naturalmente sulla base del tuo tipo di business, potrai volere ottimizzare un intento invece che un altro.

Per esempio, se miri ad alti volumi di traffico organico, monetizzato tramite pubblicità, dovrai mirare a traffico informativo, che è quello in grado di generare i maggiori volumi di traffico.

Tuttavia, le query a conversione maggiore sono quelle a carattere transazionale.

Più vicina è la query ad un intento di acquisto, e maggiore è la probabilità di conversione. Dunque se ti occupi di vendita di prodotti o servizi, tali keyword saranno senza alcun dubbio quelle su cui puntare di più, perché daranno le migliori conversioni.

3. Rispondi alle domande e alle esigenze dei tuoi potenziali clienti

Molte delle parole chiave che scopri durante il processo di ricerca saranno basate sull’informazione.

Queste parole chiave ti aiuteranno a conoscere meglio ciò che il tuo pubblico vuole sapere sul tuo settore e quali informazioni sono necessarie prima di prendere una decisione di acquisto.

Il vantaggio più immediato è che queste parole chiave ti aiuteranno a creare contenuti per la parte iniziale alla canalizzazione di vendita.

Ad esempio, supponiamo che tu voglia attirare più clienti nel tuo negozio di riparazioni auto.

Le ovvie scelte di parole chiave sarebbero qualcosa sulla falsariga di “riparazione di auto [nella tua città]” o similari.

Tuttavia, una grande fetta di possibili clienti effettueranno ricerche più specifiche (le long tail, che vedremo tra poco), che ti perderesti se puntassi solo alla parola chiave legata al tuo business principale.

Quindi, supponiamo che nella ricerca delle parole chiave trovi la frase “quante volte ho bisogno di un cambio dell’olio”, spesso cercata.

In questo caso, l’intento alla base della ricerca è chiaro. Gli utenti che stanno cercando questa frase stanno pensando di ottenere un cambio dell’olio per la propria auto, ma non sono sicuri di quando devono farlo.

Per rispondere a questa domanda, puoi scrivere un articolo o un post sul blog sulla frequenza necessaria di cambi d’olio, quindi pubblicarlo sul tuo sito.

Quindi, quando un utente cerca quella parola chiave e atterra sul tuo sito, troverà una risposta chiara alle sue esigenze.

Questo è vantaggioso sia per il tuo business che per il tuo pubblico.

I lettori ottengono gratuitamente informazioni utili e la tua attività si mette acquista visibilità con un potenziale cliente mentre cerca attivamente informazioni.

In questo caso il potenziale cliente potrebbe non essere pronto ad effettuare una conversione immediata, ma avrai comunque stabilito un contatto fra lui e il tuo marchio, distinguendoti come opzione affidabile e presente sul mercato.

4. Identifica parole chiave della tua nicchia

Per attirare traffico di qualità, è necessario utilizzare le stesse query utilizzate dal tuo pubblico.

Uno dei modi più semplici per farlo è controllare la funzione di ricerca correlata nella parte inferiore dei risultati di ricerca di Google.

Innanzitutto, cerca semplicemente una delle tue parole chiave target o una frase che ritieni possa essere cercata dal tuo pubblico target.

Quindi, scorri fino alla fine della pagina e dai un’occhiata alle ricerche correlate. Questi suggerimenti si basano su dati di ricerca degli utenti reali, il che significa che sono ciò che gli utenti stanno realmente cercando più spesso.

Queste sono le ricerche che gli utenti eseguono più spesso quando desiderano saperne di più sulle loro opzioni per gli orologi da donna, quindi per un rivenditore che li vende, questo elenco è una parola chiave miniera d’oro.

Esistono naturalmente strumenti professionali per identificare parole chiavi “simili” a quelle che hai in mente, che vedremo tra poco.

5. Sfrutta le long tail keyword

Una strategia SEO efficace richiede il targeting di parole chiave di diversa lunghezza e specificità.

Al giorno d’oggi la competizione sulle parole chiave più semplici e corte, è diventata tale da rendere difficile l’indicizzazione per la maggior parte delle aziende, piccole o grandi che siano.

L’utilizzo di query long tail è universalmente riconosciuto come una delle tecniche migliori in assoluto per avere la ragionevole certezza di visibilità e discreta indicizzazione per la specifica parola chiave.

In generale, più breve è una parola chiave, maggiore è il suo volume di ricerca mensile. E mentre ciò può farti credere che è qui che dovresti concentrare la maggior parte dei tuoi sforzi, è importante sapere che in realtà sono le più difficili da scalare.

long tailLe long tail keywords, d’altra parte, hanno un volume di ricerca mensile più basso ma saranno molto più facili da scalare in chiave di indicizzazione organica.

Inoltre, più una parola chiave è specifica, più chiaro è l’intento di un utente, il che significa che queste frasi spesso portano a tassi di conversione più elevati.

6. Raggruppa le query per strutturare articoli e sito

Una volta che avrai creato una lista delle parole chiave più interessanti, ti ritroverai con una serie di parole chiave da organizzare all’interno del tuo sito web.

L’organizzazione delle parole chiave è cruciale perché legata indissolubilmente alla struttura del sito web, che dovrà essere il più possibile accessibile e navigabile dal tuo pubblico.

L’architettura del sito porta a buone metriche di usabilità. Quando i visitatori navigano in modo intuitivo sul tuo sito Web, le conversioni aumentano in maniera diretta.

Il mantra di Google è sempre stato: “Crea pagine per gli utenti, non per i motori di ricerca“.

In altre parole, l’organizzazione delle parole chiave all’interno di pagine e categorie nel tuo sito web è importante tanto per Google quanto per i tuoi lettori.

Se un utente non trova ciò che sta cercando sul tuo sito, torna ai risultati di ricerca ed esegue un’altra ricerca.

Nota anche che Google quantifica le metriche di usabilità positive: una percentuale di clic elevata; un tempo di permanenza maggiore e una frequenza di rimbalzo inferiore sono correlati a indicizzazioni migliori. In definitiva, un’architettura del sito efficace migliora il traffico organico e le conversioni.

7. Impara ad utilizzare gli strumenti SEO

La ricerca delle parole chiave ad alta conversione passa senza alcun dubbio da strumenti in grado di darci indicazioni efficaci su come sceglierle.

Esistono almeno 2 tool indispensabili da utilizzare nella ricerca di query ad alta conversione.

Il primo è senz’altro Google Ads.

google adsNon è necessario attivare campagne per fare ricerche tramite Adwords, infatti basterà iscriversi per avere accesso ad una lista di query suggerite in ordine di prezzo offerto dagli advertiser e volume del traffico generato.

Questo strumento è fondamentale: è gratis ed è il cuore di Google, in cui troverai i principali range di traffico delle parole chiave inseriti.

Troverai dei range e non il numero preciso perché Google mostra il numero di ricerche esatto solo per chi attiva una campagna di marketing tramite Google Adwords. Ma sarà già sufficiente!

Il secondo strumento è Semrush.

keyword semrushPer fornire parole chiave correlate, SEMrush analizza i domini classificati tra i primi 100 di Google per un determinato termine di ricerca e fornisce un elenco delle parole chiave che hanno in comune.

SEMrush è in grado sia di rivelare le query dei principali competitor, che di analizzare le parole chiave inserite da noi dandoci suggerimenti precisi su parole chiave correlate.

Un grande vantaggio di Semrush è che è anche in grado di fornire una valutazione sulla difficoltà dell’indicizzazione organica, permettendo una valutazione fin da subito sulla possibile conversione di una determinata query.

SEMrush è uno strumento pensato per progetti professionali, permette alcune ricerche gratuite, ma è sostanzialmente un tool a pagamento.

Su quante keywords bisogna lavorare in conclusione?

Molti si chiederanno a questo punto quanto dovrebbe essere lungo un elenco di parole chiave su cui lavorare.

Questo dipende evidentemente da quanto è grande o complesso il tuo prodotto o servizio, ma in generale non deve essere enorme. Al contrario è meglio concentrarsi su poche parole chiave ad alta conversione (idealmente long tail), soprattutto se siamo all’inizio.

Pensiamo all’ordine delle dozzine, non delle migliaia di parole chiave.

La migliore strategia per la ricerca e la conversione ottimale delle query è puntare sulla qualità delle stesse, preferendo piccoli volumi e alta specificità rispetto a parole chiave generiche.

Basterà seguire queste semplici regole e si avranno risultati garantiti di elevato livello, in tempi molto brevi.

Articolo a cura di selfmadeweb.it

Nato con la passione per l'informatica da mamma Access e papà ASP nel 2002 rinnego repentinamente la mia paternità facendomi adottare da papà PHP e mamma SQL. Allevo HTML e correlati fiori in CSS mentre vedo i frutti del mio orticello SEO crescere grazie alla passione e alla dedizione della coltura biodinamica; perchè il biologico è fin troppo artificiale. Realizzo siti internet a tempo pieno, nei restanti momenti mi occupo di redigere articoli per questo sito e saltuariamente far esperimento nel mare che è internet.

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here