Usabilità dei siti web: come migliorare l’esperienza utente

0
2130
usabilita siti web

Con questo articolo proviamo ad analizzare alcuni fattori determinanti l’usabilità dei siti web al fine di migliorare l’esperienza utente e migliorare così la navigazione e di conseguenza le conversioni.

Tutti i fattori che andrò ad analizzare si possono prevenire con una opportuna progettazione, preventiva all’attività di realizzazione di siti internet.

Cos’è l’usabilità

Con questo termine andiamo a definire la soddisfazione e la facilità con cui viene utilizzato un dato strumento per raggiungere lo scopo per cui è stato realizzato. Per usabilità di un prodotto per internet e in particolare per un sito web andiamo a definire alcune condizioni:

  • utilizzabilità dello strumento al fine di semplificare lo sforzo dell’utente a usare il sito;
  • comprensibilità del sito web per capire come utilizzare lo strumento;
  • apprendibilità nel comprendere come imparare a utilizzare il sito internet;

Come migliorare l’usabilità dei siti web

Vediamo in sintesi alcune elementi da analizzare al fine di migliorare la user-experience (l’esperienza dell’utente) sulle pagine di un sito web. A maggiore soddisfazione (di utilizzo) avremo:

  • migliore comprensione dei contenuti presenti sul sito;
  • ritorno dell’utenza;
  • aumento delle pagine visualizzate da una singola sessione;
  • incremento dell’interazione da parte dei visitatori;
  • miglioramento del tasso di conversione;
Migliorando l'usabilità di un sito internet favoriremo il ritorno dell'utenza e le conversioni Condividi il Tweet
preventivo siti internet

La navigazione di un sito web

navigazione sito webPur se al giorno d’oggi il menù migliore e più utilizzato dall’utenza per il recupero di contenuti è il motore di ricerca Google, che indirizza i visitatori direttamente alle informazioni di cui sono in cerca è necessario migliorare i sistemi di navigazione all’interno dei siti web, per aumentare l’interazione e se possibile le conversioni nei confronti dei prodotti e servizi per cui nasce il sito.

In sostanza delle buone pratiche per migliorare la navigazione sono:

  • far comprendere all’utenza qual è il sistema di navigazione principale del sito web e menu mobilenella versione mobile, nel caso sia stato realizzato un menù ad espansione, utilizzare l’icona codificata;
  • il labeling (etichette) delle voci di menù deve essere il più comprensibile e coinciso possibile;
  • una delle regole fondamentali per il menù è che le voci siano sette o meno. Oltre l’utenza incomincia a perdersi;
  • l’utenza deve poter raggiungere ogni contenuto presente nel sito con non più di tre click;
  • ad ogni azione, da parte di un visitatore, deve corrispondere il recupero di un contenuto. Non inserite link che non portano a nulla o se a seguito di una azione non avvengono azioni visibili per l’utenza inserite un messaggio che spieghi cosa è successo;
  • permettere sempre all’utente di uscire da una sezione o ancor meglio date modo di tornare indietro alle categorie superiori. In questo caso ci vengono in aiuto le briciole di pane;
  • i link devono essere graficamente diversi dal resto del testo in modo che l’utenza capisca dove e cosa cliccare, per navigare nelle restanti pagine del sito web;
  • attenzione ai dispositivi mobile e date la possibilità agli utenti di premere sui diversi link senza rischiare di cliccare quelli sbagliati, mantenendo una giusta distanza tra gli elementi anche per chi ha dita grosse;
  • offrite sempre la possibilità di cercare del contenuto all’utente grazie ad una casella di ricerca sempre visibile;
  • il logo del sito dovrebbe rimandare sempre all’homepage del sito. Prevedete comunque la possibilità di tornare direttamente all’homepage, da ogni pagina del sito;
  • utilizzate i colori per guidare l’utenza nelle diverse sezioni di un sito web;
  • utilizzate dei banner per i contenuti più importanti o per le offerte proposte dal sito. Un esempio sono i banner nel contenuto di questo articolo;
  • utilizzate più di una tipologia di menù: menù di navigazione, briciole di pane, tag, contenuti correlati, link all’interno dei contenuti e banner;
  • i link non devono fare aprire troppe finestre, di mio in genere utilizzo come standard il far aprire un nuovo tab/finestra solo quando inserisco un link che punta al di fuori del sito;
  • se utilizzate delle icone per la navigazione cercate sempre di associare una label per spiegare all’utenza il loro l’uso;

L'infografica sull'usabilità

Nel febbraio 2014 abbiamo realizzato una infografica dedicata all’usabilità con regole ancora valide!

La fruizione dei contenuti

muro di testoL’organizzazione dei contenuti è fondamentale per far interagire l’utenza con il sito web. Se è necessario inserire dei testi di qualità per far posizionare bene un sito internet bisogna fare ancora più attenzione a come sono formattati per migliorare l’esperienza dei lettori. In questo caso delle buone leggi per migliorare l’usabilità del sito sono:

  • ricordarsi che nel mondo occidentale la fruizione dei contenuti, ossia il senso di lettura è dall’alto verso il basso e da destra verso a sinistra mentre nel mondo orientale in genere il senso di lettura è sempre dall’alto verso il basso ma il testo si legge da sinistra a destra. Di conseguenza gli elementi che sicuramente verranno visti e possibilmente memorizzati, per il pubblico occidentale, si dovrebbero trovare in alto a sinistra;
  • evitare di assegnare dimensioni minuscole ai caratteri e effettuare un giusto contrasto tra il testo e lo sfondo, se possibile utilizzate testo scuro su sfondo chiaro, affatica meno la vista;
  • l’homepage e come sono organizzati i contenuti al suo interno si devono comprendere in meno di cinque secondi;
  • l’utilità dei contenuti presenti nel sito deve essere elevata: gli argomenti trattati devono essere interessanti e di qualità per l’utenza e non solamente al fine di posizionarsi nei primi risultati dei motori di ricerca;
  • lo stile di scrittura deve essere studiato per l’utenza e non per i motori di ricerca: non abusate di parole chiave, scrivete testo stringato e coinciso senza troppi giri di parole, errori di ortografia e refusi di battitura;
  • per i contenuti lunghi frazionate il testo con un sistema di navigazione ben studiato o nel caso con un sommario interno al contenuto utilizzando degli gli ancor text per le diverse sezioni. Un esempio è il sommario di questo articolo;
  • cercate di analizzare e comprendere le azioni di un utente in modo da semplificare la via necessaria a compierle il prima possibile, evitando uno spreco di click;
  • attenzione ai “muri di testo” inserendo della formattazione per differenziare il contenuto, facendo attenzione a non eccedere con il testo grassetto e utilizzandolo, se possibile, nelle parole chiave del testo, per dare modo all’utenza di avere dei punti visivi di riferimento nella lettura;
  • non utilizzate immagini confusionarie, gif animate che distraggono nella lettura e video/audio che partono in automatico: è l’utente che decide le proprie azioni e quali contenuti visionare;
  • non usate testo tutto maiuscolo. Secondo la netiquette equivale a urlare, oltre che devo dire è graficamente brutto a vedere;
  • il contenuto principale deve essere fornito “above the fold” ossia nella prima parte della schermata, nella zona visibile quando si atterra sulla pagina;
  • i titoli devono essere chiari e organizzati gerarchicamente, usando i diversi livelli di titolo forniti dall’html standard, offrendo all’utenza e ai motori di ricerca un aiuto a comprendere come è organizzato il contenuto;
  • non richiedete una registrazione forzata o l’interazione su un canale sociale per la fruizione di un contenuto se non in determinate azioni di marketing (ad esempio per scaricare una guida dettagliata);
  • non inserire il contenuto in un file PDF, i file di questo tipo servono per dettagli tecnici e non tutti gli utenti li scaricano e ancor meno li leggono;
  • inserite la data per contenuti che potrebbero non essere più validi nel corso del tempo;
  • aggiornate e segnalate l’aggiornamento dei contenuti quando avviene;
preventivo siti internet

I “problemi tecnici”

cattiva esperienza utenteUn sito web non deve creare frustrazione e senso di impotenza nell’utenza che lo visiona, sensazioni che spesso si possono trasformare in rabbia o odio. Vediamo quindi quali problemi tecnici vanno evitati per non stimolare sensazioni negative:

  • se possibile non utilizzate tecnologie obsolete o che richiedono l’installazione di plugin specifici, come Flash o Microsoft Silverlight, non disponibili per tutti i dispositivi;
  • rendete il tempo di caricamento di una pagina il più veloce possibile per ogni tipo di connessione, se supera i sette secondi l’utente in genere abbandona verso altri siti web;
  • evitate l’uso smodato di pop-up e banner di advertising o l’utenza sceglierà di non tornare più;
  • non realizzate delle pagine solamente per browser o dispositivi specifici. In particolare fate attenzione a rendere fruibili i contenuti anche per monitor che non hanno una risoluzione elevata;
  • evitare di generare link che portano a pagine 404 (contenuto non trovato) e controllare i link in uscita in modo che puntino sempre a del contenuto esistente e accessibile;
  • la pagina 404 deve contenere una casella per la ricerca di contenuto;

cattiva esperienza utente

Perchè i form devono essere usabili

I form sono necessari in un sito web per generare interazione con l’utenza o per effettuare conversioni come l’acquisto di un prodotto/servizio o la richiesta informazioni. A patto che funzionino nel migliore dei modi, vediamo come fare:

  • se alcuni campi del form sono obbligatori segnalarli preventivamente e se l’utente non li inserisce al momento dell’invio evidenziarli in modo da agevolare la compilazione;
  • spiegate che tipo di dato va inserito in ogni campo;
  • evitare i form “infiniti” o molto lunghi, nel caso sia necessario compilare molti dati dividete in più form;
  • fate molta attenzione ai “form loop” ossia a non far compilare più volte i moduli all’utenza perché non funziona il tasto “indietro” o perchè una volta tornati alla schermata precedente i dati inseriti sono scomparsi. Nel caso sia possibile preinserite i dati conosciuti (in particolare negli e-commerce);
  • utilizzate il meno possibile i campi aperti, per evitare che l’utenza sbagli ad inserire del contenuto;
  • non realizzate delle select di scelta lunghissime, sono altamente non usabili;
  • il captcha deve essere semplice e immediato e non deve bloccare l’utenza nell’invio del form;
  • possibilmente il form, nel caso di contatto o acquisto, deve inviare una email di risposta da far utilizzare all’utente come traccia/ricevuta dell’avvenuta azione. L’email inviata automaticamente dal form dovrebbe poter essere visualizzata da qualunque tipo di dispositivo.
preventivo siti internet

Pillole di usabilità

Vi sono poi dei piccoli accorgimenti che risolvono dei grandi problemi a livello di usabilità del sito:

  • rendi i contatti dei proprietari o gestori del sito ben visibili;
  • non modificare totalmente la grafica e la struttura del template grafico nelle diverse pagine, per non far perdere l’utenza, a meno di zone particolari del sito come le landing page o le sezioni sponsorizzate;
  • gli utenti devono capire cosa fa la vostra azienda dopo aver visionato le pagine del sito;
  • evitate le pagine di introduzione al sito. Le entry-page con un semplice logo animato fanno parte di un’era oramai superata;
  • non utilizzate troppi colori nel tema grafico o colori fra loro troppo contrastanti, sicuramente se utilizzati ai fini della navigazione migliorano l’esperienza utente, ma stancano particolarmente la vista. In un menù come quello di Windows 8 potrebbero anche andare bene, ma a patto di non rimanere sempre in primo piano;
  • lo stesso discorso dei colori va rapportato ai font. Non utilizzatene troppi e diversi fra loro. Se scegliete di utilizzare font diversi in alcune sezioni fatelo per migliorare l’organizzazione dei contenuti, differenziando visivamente le zone;

E qui concludo questo lungo articolo, cosa ne pensi di quel che ho detto fino a qui e cosa mi sono scordato?

Usabilità dei siti web: come migliorare l’esperienza utente
5 (100%) su 2 voti

CONDIVIDI
Nato con la passione per l'informatica da mamma Access e papà ASP nel 2002 rinnego repentinamente la mia paternità facendomi adottare da papà PHP e mamma SQL. Allevo HTML e correlati fiori in CSS mentre vedo i frutti del mio orticello SEO crescere grazie alla passione e alla dedizione della coltura biodinamica; perchè il biologico è fin troppo artificiale. Realizzo siti internet a tempo pieno, nei restanti momenti mi occupo di redigere articoli per questo sito e saltuariamente far esperimento nel mare che è internet.

LASCIA UN COMMENTO